Tecnologia led: l’illuminazione migliore per un hotel

Per il settore alberghiero, la scelta dell’illuminazione più appropriata deve soddisfare da un lato la necessità di non avere una spesa energetica insostenibile e, dall’altro lato, il bisogno di far sentire la clientela a proprio agio. La ricerca di soluzioni di qualità e convenienti dal punto di vista economico può portare verso i LED, che garantiscono investimenti vantaggiosi e costi di manutenzione ridotti.

I corridoi e le scale

I corridoi e le scale sono aree degli hotel che vengono utilizzate solo quando se ne ha la necessità: è questo il motivo per il quale si può prendere in considerazione l’ipotesi di affidarsi ai rilevatori di movimento, o in alternativa ad apparecchi a LED che siano muniti di sensori integrati. Tali dispositivi entrano in funzione nel momento in cui rilevano il movimento ed emettono subito l’intensità luminosa massima. Dopodiché, tale intensità diminuisce in modo automatico quando non c’è più bisogno della luce. L’illuminazione che si ottiene con soluzioni di questo tipo si rivela dinamica e, soprattutto, permette di ottimizzare i consumi di energia. Ovviamente, non si può trascurare la presenza di un’illuminazione di emergenza, anche per garantire la sicurezza degli ospiti.

La luce al ristorante e al bar

Gli apparecchi luminosi che devono essere scelti per la zona ristorante e per l’area bar variano a seconda dei contesti: di conseguenza, si può puntare su opzioni che siano in armonia e coerenti con il resto degli ambienti o, al contrario, su proposte che diano vita a un effetto di contrasto per ciò che riguarda le misure, le forme e le tonalità cromatiche. Quel che più conta, però, è individuare l’intensità luminosa più indicata, tale da mettere in risalto le bevande e le pietanze, senza che l’atmosfera ne risenta in alcun modo. Faretti LED e lampadine regolabili sono raccomandati perché fanno sì che sia possibile adattarsi alle condizioni di illuminazione più diverse.

Le camere

Ovviamente, la parte più importante di un albergo è la camera. Tuttavia, non tutte le stanze sono uguali, perché non tutti gli hotel assecondano le stesse esigenze: ci sono quelli in cui i clienti vivono, quelli in cui i clienti dormono e basta (per esempio perché sono in vacanza e trascorrono le proprie giornate altrove) e quelli in cui i clienti lavorano, perché sono in viaggio per affari. Di conseguenza, è opportuno garantire un’illuminazione che sia dinamica e versatile, e quindi capace di andare incontro a ogni bisogno. Le soluzioni a soffitto o da parete a LED sono indicate per un’illuminazione intensa e al tempo stesso uniforme. Le temperature di colore più vicine al bianco, nello specifico, sono utili per generare atmosfere familiari e accogliente. Non va mai dimenticato, però, il resto dell’arredamento, che si deve integrare con gli apparecchi di illuminazione.

Vedi anche  Come scegliere un immobile di prestigio

La reception e l’ingresso

Quando entra in un hotel, il cliente bada subito all’ingresso e alla reception: è ovvio, quindi, che l’illuminazione in questi ambienti deve essere curata in ogni dettaglio. La clientela deve poter sentirsi a proprio agio e rilassarsi: i faretti a incasso e i faretti da superficie sono perfetti per chi desidera un’illuminazione d’accento che riesca a evidenziare l’architettura della struttura ed eventualmente degli specifici elementi decorativi.

La cura dei dettagli

Una scelta meticolosa dei vari elementi deputati all’illuminazione è in grado di esaltare un ambiente ospitale e di renderlo esclusivo. Tutti i clienti devono sentirsi come a casa propria, coccolati e circondati dal comfort, vivendo un’esperienza positiva che resti ben impressa nella loro memoria. La luce contribuisce a definire l’impressione che si ha della struttura ricettiva in cui si soggiorna, che sia per poche ore o per diverse settimane, soprattutto se si tratta di un ambiente nuovo in cui non si è mai stati in precedenza. Tutto concorre a costruire la qualità dell’ospitalità che si mette a disposizione.